SOLOSS
SagomaCoverBlog15

facebook
twitter
instagram

Special Blog

02/01/2019, 01:16



R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED
R18-CUSTOM-WORKS-ZON--//-DEPARTED


 



Una delle conseguenze dell’esplosionedella moda cafe racer è stata il vedere la collaborazione diretta delle casemotociclistiche con i più importanti preparatori del mondo, cosa impensabileanche solo 15 anni fa.Se all’inizio associare l’austera eseriosa BMW Motorrad alle special poteva suonare strano, dopo aver rotto ilghiaccio con la splendida "90" (in collaborazione con Roland Sands) ela successiva R nine-T (affidata a praticamente tutti i migliori preparatoridel mondo) adesso il vedere una special "ufficiale" potrebbe passarein sordina. Ma questa volta abbiamo un quid in più: alla giapponese CustomWorks Zon non è stato affidato un nuovo modello, ma bensì quello che potrebbeessere un nuovo motore, un grosso e bellissimo bicilindrico di 1800cc. Ilrisultato è stato presentato al Mooneyes Hot Rod & Custom Show in Giappone,ovviamente lasciando tutti a bocca aperta e vincendo a mani basse premi ericonoscimenti. Da fine luglio del 2018 (data di arrivodel motore in officina) alla fine dei 4 mesi successivi Yuichi e Yoshikazu (idue boss di CWZ) hanno costruito da zero il resto della moto. Dall’ideainiziale di una grossa e bassa cruiser si è passato presto ad un designispirato alle board tracker degli anni ’30, il tutto rivisto e corretto insalsa hi-tech. La costruzione è iniziata con losviluppo di un telaio progettato per dare l’impressione che stesse afferrandoil motore dall’alto. La sospensione anteriore Girder fa il paio con ilmonobraccio posteriore, con entrambe le ruote da 22" fresate da Satsuma CycleWorks su disegno originale dello stesso Yuichi. La potenza frenante èassicurata  impianto frenante Kustom Tech. Il design generale della moto si basasull’essenzialità, che fa da contraltare con il gigantesco motore. Per questomotivo, la maggior parte del serbatoio del carburante si trova all’internodelle travi superiori del telaio con solo il terzo superiore che sporge sopra.  Per quanto riguarda il motore, è statofornito come detto direttamente da BMW ma senza sistema di aspirazione escarico. Al posto del futuro e prevedibile sistema di iniezione sono statimontati 2 Dellorto da 40mm, alimentati tramite airbox realizzato su misura eposizionato sulla parte superiore del motore. Totalmetne hand-made è anchelo scarico 2 in 2 con forme sinuose che perfettamente si integrano nel restodella moto. Come abbiamo detto, il motore è un prototipo/anteprima di quello che potrebbe andare a equipaggiare future motoBMW della gamma Heritage.Non sappiamo nulla su caratteristiche,cilindrata reale, dettagli tecnici ma sappiamo che è bellissimo come unascultura moderna di acciaio e alluminio che si sposa perfettamente con unaspecial elegante, di altissimo livello, ricercata in ogni suo dettaglio.Anche questa volta (e con l’aiutofondamentale di Custom Works Zon) BMW ha fatto centro. _

Eng_

One of the consequences of theexplosion of the CafeRacer fashion is seeing the direct collaboration ofthe motorcycle manufacturers with the most important builders in the world, something that wasunthinkable even just 15 years ago.If initially associating theaustere and serious BMW Motorrad to specials could sound strange, afterbreaking the ice with the beautiful "90" (in collaboration withRoland Sands) and the subsequent R-nine-T (entrusted to practically all the bestpreparers of the world) now seeing an "official" special could have goneunnoticed. But thistime we have a quid more: the Japanese Custom Works Zon has not been given anew model, but rather what could be a new engine, a big and beautiful twincylinder of 1800cc. The result was presented at the Mooneyes Hot Rod &Custom Show in Japan, obviously leaving everyone speechless and winning lowprizes and awards. From the end of July 2018 (date ofarrival of the engine in the workshop) taking upthe next 4 months, Yuichi and Yoshikazu (the twobosses of CWZ) built the rest of the bike from scratch. From the initial ideaof ​​a big and low cruiser it soon passed to a designinspired by the board trackers of the ’30s, all revised and corrected inhi-tech sauce. The construction began with thedevelopment of a chassis designed to give the impression that it was grabbingthe engine from above. The Girder front suspension fits the rear single-arm,with both 22 "wheels milled from Satsuma Cycle Works to Yuichi’s original design.The braking power is guaranteed by the Kustom Tech braking system.The overall design of the bike isbased on essentiality, which acts as a counter to the gigantic engine. For thisreason, most of the fuel tank is located inside the upper beams of the framewith only the upper third that protrudes above. As for the engine, it was suppliedas told directly by BMW but without the intake and exhaust system. In place ofthe future and predictable injection system, Dellorto 40mm  carbs are mounted, powered by a custom-made airbox and positioned on thetop of the engine. The2 in 2 exhaust with sinuous shapes is also hand-made by Totalmetne and perfectly integrate into the restof the bike. As we said, the engine is aprototype / preview of what could go to equip future BMW motorcycles in theHeritage range.We know nothing aboutcharacteristics, real displacement, technical details but we know that it is asbeautiful as a modern sculpture of steel and aluminium that fits perfectly with anelegant special, of the highest level, sought in every detail.Once again (and with thefundamental help of Custom Works Zon) BMW has hit the mark. _


1
Super Special  è un blog e non risponde ad obblighi relativi ad una testata giornalistica, dunque non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Gli articoli sono di proprietà degli autori, tuttavia possono essere pubblicati e divulgati, a condizione che venga citata la fonte indicando il link di provenienza.
Le immagini e i video sono reperiti da internet (considerati quindi di pubblico dominio) e, ove possibile, è inserito il credito al legittimo proprietario.
Qualora lo stesso fosse contrario alla pubblicazione può segnalarlo all'indirizzo mail superspecialmag@gmail.com  e il contenuto sarà immediatamente rimosso.
Gli autori si riservano il diritto di rimuovere i commenti considerati offensivi, diffamatori o di natura pubblicitaria.

Copyright © 2016  Super Special  -   All rights reserved  -  Powered by SuperSpecial

Create a website