solo Instagram png x web
solo Instagram png x web
solo twitter png per web
solo facebook png x web
SagomaCoverBlog09
logoOff08VETTORIALE
Tasto DOWNFree
30/04/2018, 01:26



ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO
ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO
ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO
ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO
ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO
ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO
ABNORMAL-CYCLES-//-MISTICA-//-RUGGITO-MISTICO


 ITA-ENG



Nel vortice insaziabile d’immagini, anestetizzati dalla velocità del nulla che circorda il nostro tempo... a un certo punto, senza preavviso, arriva lo schianto. Quello dentro. Lo sentiamo e basta. Non esistono spiegazioni, è troppo personale. Come certi oggetti che prendono forma da una storia, magari la più banale ma così intima che cattura e incanta. La nuova special di Abnormal Cycles è una storia che prende il via da un schianto fatto così. Forte: un tuffo negli Anni Ruggenti che Samuele Reali (cuore, mente e braccia di Abnormal Cycles) si ritrova a fare, quasi per caso, in un mercatino mostra-scambio di moto d’epoca e rugginose chincaglierie nella tedesca cittadina di Mannheim, a cavallo tra Stoccarda e Francoforte. L’oggetto che innesca lo schianto si trova lì, #00 apr018 - superspecialmag.com mistica in una bancarella come mille, sopravvissuto agli anni Venti: è un motore bicilindrico M.A.G. del 1919. Samuele ne sente la carica nascosta e lo fa suo per 4.500 euro. Inizia così la storia di Mistica, una moto speciale tributo ai folleggianti anni Venti, quelli del vivere inimitabile, della religione del rischio e della scoperta della velocità, in tutte le sue declinazioni possibili. Samuele torna in Italia e dall’officina di Bernareggio (MB) accende la storia che comincia con la ricerca di tutte le sue parti. Con metodo e rispetto, si immerge nell’estetica e nella meccanica delle Guzzi dell’Italia futurista e delle pionieristiche bicilindriche d’oltreoceano trovando così la sintesi per il telaio che nasce a partire da alcune fusioni (cannotto di sterzo, zona sottosella e piedini perno ruota posteriore) di una Moto Guzzi Sport 13 del 1930; che assembla grazie all’aiuto di Franco di Chop Works. La struttura essenziale esige un serbatoio filante da inserire nel sottocanna. Con una dima di cartone, la forma prende sostanza piegando e saldando una lamiera di ferro, a colpi di tecnica e martello. Una forcella tipo Girder e le ruote da 26", con pneumatici da 2 ½", chiudono il cerchio. L’idea diventa progetto e si realizza in una moto carica di parti nichelate a impreziosire il metallo nudo, coperto di cera grigia e dettagli preziosi come la bolla di vetro per l’oblò della pompa dell’olio o la moneta da 20 lire incastonata sul perno del cannotto di sterzo, in tributo all’Italia del Primo Dopoguerra. È tutto questo e altro ancora Mistica degli Abnormal Cycles, un’interpretazione contrastata e contemporanea di una motocicletta dura e sfrenata da pieni Anni Ruggenti. Una visione concentrata ed esplosiva - alla Grande Gatsby di Baz Luhrmann - di quegli anni in bianco e nero; ruvidi, eccitati e incoscienti. _


Eng__


In the insatiable vortex of images, anesthetized by the speed of nothing that surrounds our time ..at a certain point, without warning, comes the crash. The one inside. We just hear it. There’re no explanations, it’s too personal. Like certain objects that take shape from a story, perhaps the most trivial but so intimate that captures and enchants. The new Abnormal Cycles special is a story that starts with a crash like this. Final: a dive into the Roaring Years that Samuele Reali (heart, mind and arms of Abnormal Cycles) finds himself doing, almost by accident, in an exhibition-exchange market of vintage motorcycles and rusty trinkets in the german town of Mannheim, between Stuttgart and Frankfurt. The object that triggers the crash is there, in a stall like a thousand, surviving the twenties: it’s a twin-cylinder engine M.A.G. 1919. Samuel feels the hidden charge and makes it his for 4500 euro. #00 apr018 - superspecialmag.com mistica Thus began the story of Mystic, a special tribute to the twenties of the twenties, those of inimitable living, the religion of risk and the discovery of speed, in all its possible variations. Samu returns to Italy and from the workshop of Bernareggio (MB) ignites the story that begins with the search for all its parts. With method and respect, he immerses himself in the aesthetics and mechanics of the Guzzi of Futurist Italy and the pioneering two-cylinder of overseas, thus finding the synthesis for the frame that is born starting from some castings (steering tube, saddle area and pin feet rear wheel) of a Moto Guzzi Sport 13 of 1930; that assembles thanks to the help of Franco from Chop Works. The essential structure requires a streamlined tank to be inserted into the sub-hatch. With a cardboard template, the shape takes on substance by bending and welding an iron sheet, with a hammer and technique. A Girder type fork and 26 "wheels, with 2 ½" tires, close the rim.
The idea becomes a project and is realized in a bike loaded with nickel-plated parts to embellish the bare metal, covered with gray wax and precious details such as the glass bubble for the oil pump porthole or the ’20 lire’ coin set on the pivot of the steering tube, as a tribute to the Italy of the First Post-war period. It’s all this and much more Mysticism of the Abnormal Cycles, a contrasting and contemporary interpretation of a hard and unrestrained motorcycle from full Roaring Years. A concentrated and explosive vision - at the Great Gatsby by Baz Luhrmann - of those years in black and white; rough, excited and unconscious. _
#SS
Foto: Horst Roesler



1
Create a website