solo Instagram png x web
solo twitter png per web
solo facebook png x web
SagomaCoverBlog05
Banniere120x300Superspecialmag023
Banniere120x300Superspecialmag023
24/10/2017, 11:49

#jvbmoto #bmw #scrambler #ninet



JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-
JVB-MOTO--//--BMW--NINE-T-SCRAMBLER-


 



Se negassi che JVB sia uno dei miei preparatoripreferiti, direi una bugia gigante.Il suo stile inconfondibile, la stravaganza ed allostesso tempo la linearità del design con cui stravolge le moto che gli passanonelle mani è davvero qualcosa di fantastico, che affascina e colpisce fin dalprimo sguardo.

Era in silenzio ormai da qualche tempo, e conoscendoil modo di lavorare dell’atelier di Colonia, tutto lasciava presagirel’imminente uscita di una vera  e propria "bomba": e così èstato.Ecco il risultato della prima collaborazione tra BmwMotorrad e JvB Moto, che è anche la prima Special ’ufficiale’ presentata subase NineT Scrambler. Non ci poteva essere inizio migliore: un Fun bike nudae pura, esile, piccola, che ti chiede di montar su e portarla a divertire.Linee completamente nuove rispetto al modello originale che vengono identificatesubito come "made in JvB" (vedi serbatoio e faro) e che definiscono,come dichiarato dallo stesso preparatore, "una piccola moto con ungrande motore". 

Una moto che ha esaltato anche Ola Stenegärd, capo delDesign Bmw Motorrad; che ne ha parlato con toni entusiastici in sede dipresentazione.La carrozzerie è stata dimagrita il più possibile,enfatizzando il concetto di "estensione orizzontale" del motore,tipica dei boxer tedeschi. Curiosamente, invece di "invecchiare" ildesign originale richiamando alle Scrambler  ’70-80 come fa la maggiorparte dei preparatori,  le linee della moto sono state rese ancora piùfuturistiche. Una mossa intenzionale, come dice Jens: "È unmix di design funzionale e dello stile old school,  non retrò" ...  "Comeun insieme tra un veloce Unimog, una Land Rover e un bobber !" 

Per la realizzazione sono occorsi otto mesi, dallaprogettazione al risultato finale, che corrisponde esattamente a quello cheaveva in mente. "La più grande sfida è stata il serbatoio", spiega,"È molto più stretto e sei centimetri più corto dell’originale, modificheche alterano completamente la sensazione di guida, con il pilota che si siedemolto più in alto".Jens ha fabbricato il serbatoio da 10 litri inalluminio, poi ha deciso di modellare l’airbox sotto di esso. Il layoutdell’elettronica ha richiesto una serie di modifiche e adattamenti, pur mantenendooltretutto il modulo ABS originale. Il telaio posteriore ricostruito attorno auna sella singola e un parafanghino in alluminio.

La nuova luce posteriore a Led, la targa e le frecceMotogadget, discrete ma con un tocco di design, il nuovo scarico montato conapposita staffa al posto dell’originale, quindi senza apportaremodifiche. Le prestazioni originali della 9T Scrambler sono statereputate più che adatte, quindi sono state aggiunte solo (si fa per dire) dellemeravigliose ruote in carbonio che diminuiscono drasticamente l’inerzia, conpneumatici Continental TKC80.

 All’avantreno è stato mantenuto l’attraente Speedooriginale ma "schiacciandolo" verso un nuovo faro firmato JvB.Tutto questo ben di Dio non resterà unico: Jens staper iniziare lo sviluppo di nuove parti Scrambler. Non vediamo l’ora di vedere ilrisultato ! 

#SS

 eng__

 If I deny that JVB is one ofmy favorite customizers, I would say a giant lie.Its unmistakable style,extravagance and at the same time the linearity of design with which it strokesthe bikes that pass in its hands is really something fantastic, fascinating andstriking from the first glance. He was in silent for too long,and knowing how Cologne’s atelier works, all made it possible to anticipate theimminent release of a real "bomb": and so it was.Here is the result of thefirst collaboration between Bmw Motorrad and JvB Moto, which is also the firstofficial ’Special’ presented on the 9T Scrambler base.

And there could be no betterstart: a bare naked, pure, slim, small bike that asks you to mount up and bringit to amusement. Fully new lines with respect to the original model that areimmediately identified as "made in JvB" (see tank and lighthouse) anddefine, as stated by the same engineer "a small motorcycle with a bigengine". A motorcycle that also exaltedOla Stenegärd, head of Design Bmw Motorrad, who talked with enthusiastic tonesduring the presentation.The bodywork has been slimmedas much as possible, emphasizing the concept of "horizontalextension" of the engine, typical of german boxers. Curiously, instead of"aging" the original design by recalling the Scrambler ’70 -80 asmost preparers do, the bike lines have been made even more futuristic.

Adeliberate move as Jens says. "It’s a mix of functional design and oldschool style, not retro " ... " As a combination of a fastUnimog, a Land Rover and a bobber! " It took eight months tocomplete, from the design to the final result, which corresponds exactly towhat he had in mind. "The biggest challenge was the tank," heexplains. "It’s much narrower and six inches shorter than the original,changes that completely alter the driving sensation, with the pilot sittingupright."Jens built the 10-literaluminum tank, then decided to mold the airbox beneath it. The layout of theelectronics required a number of modifications and adaptations, in addition toretaining the original ABS module. The rear frame is rebuilt around a singlesaddle and an aluminum wand.

The new Led rear light, thelicense plate and the arrows Motogadget, discreet but with a touch of design,the new exhaust fitted with a special bracket instead of the original, sowithout making any changes. The original performance ofthe 9T Scrambler has been considered more than adequate, so only (it is said)of the wonderful carbon wheels that have been drastically reduced by inertia,with Continental TKC80 tires.

At the adventureland, theoriginal Speedo was retained but "crushed" it to a new JvBlighthouse.All this ’well of God’ willnot remain unique: Jens is about to begin developing new Scrambler parts. We can’t wait to see the result !

#SS
20/10/2017, 07:08

#nct #dyna #harleydavidson



A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles
A-DYNA-NAMED-ELEANOR-//-NCT-Motorcycles


 



Since the film Gone in 60 seconds, the name Eleanor evokes to all of us a powerful Mustang Fastback 1967. For the needs of the film, this is the team of Unique Performance, the shop factory of Chip Foose, who had taken care to modify a dozen wrecks of Mustang Fastback 67.  It was not only with a terrific body kit but also with a NOS-powered V8 engine capable of releasing 700 horsepower. It is with the same spirit that the guys at National Custom Tech (NCT) have set their sights on a 2009 Super Dyna Glide.

The Austrian team, based in Carinthia, have simply stripped down the whole bike, fresh from California. The goal was to start from scratch, have a closer look and build a machine far removed from the Harley standards. So, first of all the complete back of the bike received the attention by Manuel Tilke. He just simply cut the original back off to elaborate a really thin narrow loop frame. In addition, a blue solo seat and in association of a pair of Öhlins shock absorbers, the bike defines a Racing Spirit.

With the same attention to the details, Manuel has also created the front and rear fenders, the front headlight bracket, the side covers and exhaust by hand. For an absolutely racing effect the 2-2 exhaust is black wrapped black and equipped with two efficient Akrapovic mufflers. The new Showa upside down fork is topped by LSL handlebar, combined with Galespeed controls, M-Switch buttons and a Rizoma brake reservoir, the street racing spirit of the bike.

The Motogadget speedo is housed with the headlight in superb homemade bracket. The tank comes from an HD XG750, a bit modified but it fits like a glove to the Dyna!

Really nice work !

#SS

Ita___

Dall’uscita del film Fuori in 60 secondi, il nome Eleanor evoca in tutti noi un potente Mustang Fastback 1967. Per le esigenze del film, questo è il team di Unique Performance, la fabbrica di negozi di Chip Foose, che avevano curato la modifica di una dozzina di relitti di Mustang Fastback 67. Non solo con un kit estetico ma anche con un motore V8 e un impianto NOS in grado di scaricare 700 cavalli. È con lo stesso spirito che i ragazzi del National Custom Tech (NCT) hanno messo le loro visioni su una Super Dyna Glide del 2009.

La squadra austriaca, con sede in Carinzia, ha semplicemente spogliato tutta la motocicletta, arrivata fresca fresca dalla California. L’obiettivo era iniziare da zero, avere una visione d’insieme più attenta e costruire una moto lontana dagli schemi HD. Quindi, prima di tutto la parte posteriore della moto ha ricevuto l’attenzione di Manuel Tilke. Ha semplicemente tagliato il telaio originale per elaborarne uno sottile e stretto. Inoltre, una sella azzurro associata ad una coppia di ammortizzatori Öhlins, e la moto emana vero Spirito corsaiolo.

Con la stessa attenzione ai dettagli, Manuel ha anche creato i parafanghi anteriori e posteriori, la staffa del faro anteriore, i coperchi laterali e lo scarico artigianale. Per avere un effetto assolutamente "race" lo scarico 2-2 è avvolto in una benda nera ed è dotato di due fantastici ed efficaci silenziatori Akrapovic. La nuova forcella invertita Showa è sormontata dal manubrio LSL, combinata con i comandi Galespeed, i pulsanti M-Switch e un serbatoio freni di Rizoma, insomma Race Spirit su strada !

Il Motogadget Speedo è alloggiato con il faro in una bellissima staffa completamente handmade. Il serbatoio del carburante viene da un HD XG750, un pò modificato ma si adatta come un guanto alla Dyna!

Davvero un bel lavoro !

#SS
28/09/2017, 22:39

#vitalia #motoguzzi #officinerossopuro



VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO
VITALIS--//-OFFICINE-ROSSOPURO


 



Abbiamo già confessato la nostra debolezza  per questa officina, ma non possiamo farci davvero nulla, in noi anima uno spirito guzzista ed ogni moto di Filippo Barbacane è un’opera unica! Questa volta ci ritroviamo davanti alla Vitalis appena uscita da Officine RossoPuro e la prima sensazione è sempre quella: ogni moto un viaggio che non ripete mai le tappe già percorse!

Qui a Super Special abbiamo rischiato il bipolarismo dopo aver osservato la moto per qualche istante.. metà redazione ha affermato con certezza che si trattava di una Classic di livello, l’altra metà insisteva in maniera decisa che in realtà lo stile fosse moderno, prima che per questa diatriba ci si scommettesse il tanto caro Vespino Special 50 conservato dal 1978 in cantina ci siamo resi conto che la VITALIS è una moto delle ORP, ed è in sostanza l’equilibrio tra retrò e moderno. Va detto che la base di partenza è una Le Mans 3, un ferro che non brillava certo per leggerezza nel design ma che poteva contare su un bel bicilindrico Guzzi di giusta potenza e bellissima coppia oltre che da un telaio tra i più riusciti dell’epoca.

Da questa base è cominciata una vera e propria rivoluzione, lo stesso telaio è stato letteralmente ricostruito nella parte posteriore, non limitandosi al solito telaietto reggisella ma partendo dalla base dell’attacco motore per poi risalire lungo la V con un nuovo telaio più alto e stretto. Sono stati rielaborati integralmente gli attacchi delle sospensioni posteriori e inseriti due Ohlins a gas efficaci e belli anche da vedere. Il risultato finale ha portato ad un notevole risparmio di peso e un design leggero che si integra perfettamente con l’avantreno della moto, i fazzoletti di rinforzo a CNC hanno impreziosito il tutto e svolto al meglio la loro funzione di irrobustimento del telaio. Potremmo scrivere chissà quanto solo per la parte posteriore e su tutte le scelte tecniche ed estetiche, come la gomma da 160 per la quale è stato letteralmente ricostruito il forcellone con capriata di rinforzo, senza tralasciare i cerchi a raggi -tubless- in alluminio esclusivi realizzati dall’Alpina per ORP o l’avantreno!! Proprio su questo si è ripresentato il bipolarismo in redazione!!  Alcuni di noi hanno definito la parte anteriore "cupolino" ed altri "semicarena", fortunatamente in questo caso è stata utile la descrizione di Filippo che ha risolto il mistero e riportato la pace tra noi vecchi compari  permalosi: in realtà la parte anteriore non è né un cupolino né una carenatura ma qualcosa di "diverso", pensato per unire la parte anteriore al serbatoio in un insieme filante e leggero, senza scordare la funzione di stabilità in velocità. La pace è tornata e tutti siamo stati concordi nell’affermare che questa scelta ha dato carattere a tutta la moto, inoltre sapere che sia il cupolino-carena sia il codino sono stati creati partendo da un foglio di alluminio senza un vero disegno ma assumendo forma e vita via via che il pezzo veniva battuto a mano, dà un valore unico e artistico al prodotto finale.

Chi conosce le forcelle  Guzzi sa perfettamente che sono parti sincere ma un po’ modeste e per questo la VITALIS è stata dotata di forcella Paioli da 45mm e l’originale impianto freni Brembo è stato sostituito con il suo pronipote tecnologico a doppio pistone con disco da 320mm. Anche i più piccoli dettagli di questa motocicletta come le pedane in ergal regolabili, le piastre della forcella, i supporti degli ammortizzatori posteriori, il supporto della carena anteriore, i parafanghi in alluminio e i supporti delle pinze, sono tutti pensati e prodotti in ORP. Gli scarichi sono stati realizzati da Mass Exhaust su disegno di Filippo, la strumentazione digitale della Acewell, i para candela in alluminio ORP e molto altro da scoprire. La moto è stata creata per un appassionato Californiano e in questo momento starà rendendo felice un motocisclista sulle strade di San Francisco, a noi Guzzisti piace pensare che con il suo stile 100% italiano faccia il pelo e contropelo alle HD sui tornanti  lasciandole dietro qualche centinaia di metri!!

#SS

eng__

We’ve already confessed our weaknesses to this garage but we can not really do anything, in our souls we’re guzzisti and every bikes of Filippo Barbacane is a unique piece! This time we find ourselves in front of the Vitalis just out of Officine RossoPuro and the first feeling is always that: every bikes is a trip that never repeats the stages already run!

Here at Super Special we risked the bipolarity after watching the bike for a few moments .. half editing asserted with certainty that it was a Classic of level, the other half firmly insisted that in reality the style was modern, before that for this diatribe we bargain for the dear Vespa Special 50 preserved since 1978 in the box we realized that VITALIS is a motorcycle of  ORP, and in essence is the balance between retro and modern. It should be said that the starting point is a Le Mans 3, a bike that didn’t shine for lightness in design but could count on a good twin Guzzi engine of just power and beautiful pair as well as a chassis among the most successful of the era.
From this base began a real revolution, the same chassis was literally rebuilt in the rear, not just the usual seat post but starting from the base of the engine attachment and then tracing along the V with a new higher and narrow chassis . The rear suspensions have been fully reworked and two hybrid Ohlins are inserted, which are also good to look at. The end result has led to remarkable weight savings and a lightweight design that fits perfectly with the front of the bike, CNC reinforcement handkerchiefs have embellished everything and best served their chassis strength. We could write just about the back and all the technical and aesthetic choices, such as the 160 tyre for which the reconditioned swing arm was literally rebuilt, without leaving the tubeless, exclusive -tubless- aluminum rays made by Alpine for ORP or... the front!  This is exactly what the bipolarism has come up with in editing !! Some of us have defined the front "cupola" and other "semicarena", fortunately in this case it was helpful to describe Filippo who solved the mystery and brought peace between us, old comparing friends: in fact the part in front is neither a cupola nor a fairing but something "different", designed to join the front of the tank in a lightweight, lightweight set, without forgetting the stability function at speed. Peace has come back and we have all agreed that this choice has given character to the whole motion, furthermore knowing that both the jaws and the tail were created from an aluminum sheet without a true design but taking shape and life as the piece was beaten by hand, gives a unique and artistic value to the final product.

Who know the forks Guzzi know perfectly that they’re sincere but a bit modest, and for this reason the VITALIS has been equipped with a 45 mm Paioli fork and the original Brembo braking system was replaced with its two-piston double engine technology with 320mm disc. Even the smallest details of this motorcycle such as adjustable ergal footrests, fork plates, rear cushion mounts, front hatch support, aluminum mudguards and pliers supports are all designed and manufactured in ORP. Discharges were made by Mass Exhaust on Filippo’s design, Acewell’s digital instrumentation, the ORP aluminum pair of candles and much more to discover. The bike was created for a Californian enthusiast and at this moment he’s gonna make a biker on the streets of San Francisco happy. We Guzzisti likes to think that with his 100% Italian style, he’s got the hair and countered the HD on the bends leaving it behind a few hundred of meters !!

#SS


124539

shot: Sabine Falk    glemseck101  2016

Super Special  è un blog e non risponde ad obblighi relativi ad una testata giornalistica, dunque non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Gli articoli sono di proprietà degli autori, tuttavia possono essere pubblicati e divulgati, a condizione che venga citata la fonte indicando il link di provenienza. Le immagini e i video sono reperiti da internet (considerati quindi di pubblico dominio) e, ove possibile, è inserito il credito al legittimo proprietario. Qualora lo stesso fosse contrario alla pubblicazione può segnalarlo all'indirizzo mail superspecialmag@gmail.com  e il contenuto sarà immediatamente rimosso. Gli autori si riservano il diritto di rimuovere i commenti considerati offensivi, diffamatori o di natura pubblicitaria.

copyright © 2016  Super Special  -  blog design: Desmocronici  -  all rights reserved  -  Powered by SuperSpecial

Create a website