solo Instagram png x web
solo Instagram png x web
solo twitter png per web
solo facebook png x web
SagomaCoverBlog09
logoOff08VETTORIALE
Tasto DOWNFree
02/03/2016, 12:42

#?thereunion? ?#?autodromodimonza? ?#?dmdhelmets? ?#?motoguzzi? ?#?eicma? ?#?proraso?



THE-REUNION-//-2016-//-Autodromo-di-Monza
THE-REUNION-//-2016-//-Autodromo-di-Monza
THE-REUNION-//-2016-//-Autodromo-di-Monza
THE-REUNION-//-2016-//-Autodromo-di-Monza
THE-REUNION-//-2016-//-Autodromo-di-Monza
THE-REUNION-//-2016-//-Autodromo-di-Monza


 Back again this year ! The Reunion ! May, 14/15 - shots: simone romeo



Il 14 e 15 Maggio torna anche quest’anno THE REUNION ! 
Alla sua seconda edizione, dopo la prima a dir poco riuscitissima, l’evento italiano al momento N.1 ritorna nel circuito più cool !

Quest’anno non sarà solo una giornata ma due, ad accogliere centinaia di motociclette speciali, classic e cafe racers pronte a sfidarsi nelle classiche Sprint Races sull’ottavo di miglio come si faceva 60 anni fa fuori dai motorcycle bars inglesi.

Necessario per accedere all’evento (gratuito) è pagare un ticket di 5 euro per l’accesso all’autodromo, che però garantirà una due giorni SUPER ! Tanti i marchi e gli espositori di alto livello: da Proraso a Guzzi, da DMD helmets a Deus Ex Machina.,,

Secondo noi un evento assolutamente da non perdere !!!!!!
Super Special ci sarà.. e voi ?

Shots: simone romeo
 
On 14 and 15 May back again this year THE REUNION !
It’s the second edition, after the first very successful to say the least, the Italian Motor Event  N. 1 at the time back in the cool circuit!
This year there will be only one day but two, to accommodate hundreds of special motorcycles, classics and cafe racers ready to compete in the classic Sprint Races eighth of a mile as they did 60 years ago off the motorcycle Britishbars .
Needed to access the event (free) is paying a ticket of 5 euro for access racetrack, but will ensure a two-day SUPER! Many brands and high-level exhibitors from Proraso in Guzzi, DMD helmets to Deus Ex Machina.,,
In our view an event not to be missed !!!!!!
Super Special will be .. and you?
01/03/2016, 14:38

#onorika #pozzato #motul #gpdesign #mvagusta



ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul
ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul
ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul
ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul
ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul
ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul
ONIRIKA-2853-//-GPdesign-//-Motul


 GPDesign spacca con una Special post atomica, per Motul !



Può venire dal futuro, l’emozione. Da una visione, da un sogno, da un pensiero. Nasce così ONIRIKA 2853, la nuova moto firmata Officine GP Design. Una moto che è un’opera post-futuristica, e che è un omaggio al mondo Motul. Perché a commissionare questa show bike è stata proprio Motul Italia, azienda leader nel mondo della formulazione, produzione e diffusione di lubrificanti ad alta tecnologia per auto, moto e per altri veicoli. Sulle basi di una MV Agusta 800cc, con pneumatici Dunlop Elite 3 e accessori Rizoma, Luca Pozzato - mente e cuore di Officine GP Design - ha plasmato una moto che è pura emozione. Una moto da ammirare, da accarezzare, da sognare. Una moto che è una visione. Che rifugge le etichette, che scavalca gli stili. Una moto che è una scommessa. Vinta. Realizzata in soli 29 giorni, il suo ricavato andrà a sostenere la fondazione Motul Corazon. A darle forma è un insieme di dettagli, di citazioni, di arte e di tecnologia. ONIRIKA 2583 ha il serbatoio in alluminio realizzato a mano, e rivestito con immagini di ingranaggi mediante la tecnica della cubicatura. Racchiude in sé il mondonMotul, così presente e così futuro. Un mondo fatto di lavoro e di sperimentazione.

All’universo Motul rimandano gli elementi grigio ghisa, il tappo a forma di ingranaggio, le texture tecniche e materiche. Dal mondo dell’automobile nascono i cerchi, dal passato arriva il bronzo dorato. I rivestimenti dei tubi dei freni anteriori, insieme alle griglie del faro anteriore, ricordano i tubi ad alta pressione delle macchine industriali; il telaio presenta una vernice ossidante dall’effetto e la lavorazione unica, il plexiglass un rivestimento rubato al mondo dell’edilizia, dove viene utilizzato per rendere il marmo non scivoloso. Sorpresa. Emozione. Sperimentazione. Con quel faro posteriore a Led che ricorda piccole gocce d’olio, con l’accensione mediante riconoscimento dell’impronta digitale. Col suo essere un capolavoro, una miscellanea di forme,estetica e funzione.

«Non è una limited edition, ONIRIKA 2853. È piuttosto un sogno concreto. È la rappresentazione dell’anima di una grande azienda», dice Luca Pozzato. Ricercando materiali inconsueti, attingendo a mondi così diversi, Officine GPDesign ha dato vita all’ennesimo capolavoro su due ruote. Un capolavoro che è un sogno realizzato,ne che ha due ali immaginarie. Per volare lontano, verso un futuro che è qui. «I valori di una grande azienda fondata nel 1853, comunicati attraverso un’opera d’arte: partire da un sogno e trasformare un concetto in materia. Immaginare soluzioni innovative attraverso strade nuove e alternative, spingendomi oltre i limiti stabiliti dai canoni stilistici dettati dalle convenzioni. Dove solo chi ha le ali può arrivare. Dove solo chi sogna può arrivare. Dove puoi guardare avanti solo non dimenticando il valore del passato. Dove devi combattere.Dove non puoi guardarti intorno ma solo dentro di te. Dove puoi proiettare il futuro proprio di fronte a te. Non voglio essere il migliore. Voglio semplicemente due ali».

Luca Pozzato DAYDREAMER 
26/02/2016, 14:45

#officinemermaid #milano #ducati #scrambler



REVOLUTION-//-Officine-Mermaid
REVOLUTION-//-Officine-Mermaid
REVOLUTION-//-Officine-Mermaid


 Un insolito Scrambler-Bobber dall’officina milanese



Parola d’ordine: Scrambler, Sixty 2
Nome: Revolution
Concezione: Stravolgimento
Genere: Bobber

Così è stata battezzata la motocicletta presentata a MBE dal preparatore milanese e customizzata con dettagli piuttosto agressivi.
A nostro avviso una delle più curate ed essenziali Scrambler Sixty 2 mai preparate sino ad oggi, bensì le modifiche appaiono evidentemente soprattutto di carattere estetico, e non immediatamente visibili al primo colpo d’occhio; probabilmente a causa dell’uniformità della colorazione scura di tutta la moto. E’ stata molto alleggerita del superfluo e, nella speranza che esista anche un modo per poterla "targare", abbiamo molto apprezzato il lavoro eseguito su questa special con telaietto posteriore accorciato (non poco) e con una posizione di guida cambiata grazie all’ampio manubrio posizionato ad arco.

Molto interessanti la sella monoposto artigianale, un favoloso pin stripping dedicato sul serbatoio, le piastre di sterzo lavorate a mano e le tabelle portanumero in cuoio, anche queste lavorate a mano, che riportano il nome Revolution, la firma dell’officina e un bel 68; proprio queste tabelle sembra conferiscano al retrotreno qualcosa che completa le linee.. oltre che un bel tocco di "manualità" alla moto stessa..

I carter delle cinghie di distribuzione sono stati rimossi, per cui l’impianto di cinghie e pulegge è a vista, a nostro avviso un pò rischioso per andare a spasso... anche se piuttosto diffusa come abitudine "ducatista" :)

Sulla moto è stato rimosso il parafango anteriore come nella migliore tradizione Bobber, le ruote (uguali) da 17" ospitano pneumatici Pirelli, con quel curioso effetto di "ruota grossa" sull’anteriore..

L’impianto di scarico è quello originale dello scrambler rivisto in una configurazione estetica "bendata" per una parte e verniciata opaca per il terminale.
L’avantreno è molto nudo ed essenziale riporta oltre la strumentazione originale anche il faro di serie riposizionato. 

L’effetto finale è davvero degno di nota ! Grazie O. Mermaid !


14849515254
Create a website